۩๑ParadiseﺴHomerﺴItaly๑۩


 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 MORTI BIANCHE: TROPPE TRAGEDIE, ORA BASTA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
paola

avatar

Numero di messaggi : 386
Data d'iscrizione : 09.09.08

MessaggioTitolo: MORTI BIANCHE: TROPPE TRAGEDIE, ORA BASTA   Dom Ott 12, 2008 5:11 pm

ROMA - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione della 58/ma Giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro, ha inviato al Presidente dell'Associazione nazionale mutilati ed invalidi sul lavoro, Pietro Mercandelli, il seguente messaggio: "Desidero rivolgere il vivo apprezzamento per il costante impegno associativo a favore della prevenzione nei luoghi di lavoro, della tutela dei lavoratori infortunati, dell'assistenza delle famiglie delle vittime e della sensibilizzazione dell'opinione pubblica. I preoccupanti dati diffusi dall'Anmil e le stesse tragiche cronache di questi giorni confermano quanto cruciale sia la questione della prevenzione sul lavoro. Si è levato naturalmente un indignato 'basta', sinceramente condiviso, di fronte a tragedie che, per la loro dimensione, suscitano il clamore dei media e il coinvolgimento dell'opinione pubblica. Ma la realtà quotidiana ci ripropone casi drammatici (persino ripetitivi nella loro dinamica), storie personali e familiari di dolore e sofferenze che la vostra Associazione, insieme a tante altre espressioni del volontariato e delle istituzioni, aiuta ad affrontare con un impegno concreto di solidarietà che è giusto riconoscere e valorizzare. C'é indubbiamente, anche un problema di risorse: è decisivo qualificare quelle disponibili perché si investa in formazione ed informazione, si persegua con determinazione l'obbiettivo dell'abbattimento degli incidenti sul lavoro, si rafforzino le tutele dei lavoratori e si sostengano le famiglie delle vittime sul lavoro. Particolare significato assumono le numerose iniziative promosse in ambito scolastico per una più diretta presa di coscienza da parte dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro.

E' doveroso tenere viva l'attenzione al fenomeno,
non demordere nell'allarme sulla sua gravità sociale,

APPLICARE E MIGLIORARE LE NORME LEGISLATIVE. app app app

E' questo, un obbiettivo di civiltà che dobbiamo al sacrificio dei tanti caduti,
mutilati ed invalidi sul lavoro".
Il testo del messaggio è stato diffuso dall'ufficio stampa del Quirinale.


SCHIFANI, SICUREZZA SIA PRIORITA' - "La sicurezza dei lavoratori rappresenta una priorità assoluta per il nostro Paese". E' uno dei passaggi del messaggio inviato dal presidente del Senato, Renato Schifani, all'Anmil, in occasione della 58/a Giornata nazionale per le vittime per gli incidenti sul lavoro. "Questa consapevolezza - aggiunge Schifani - deve spingerci ad un costante impegno per valorizzare e diffondere tra i cittadini una cultura di maggiore attenzione e precauzione negli ambienti lavorativi, dove l'attuazione delle norme a tutela della salute e della vita dei lavoratori deve essere piena ed efficace".

ANMIL: 1.200 MORTI L'ANNO, TRE AL GIORNO - Ogni giorno, in Italia, si verificano 2.500 incidenti sul lavoro, muoiono tre persone e 27 rimangono permanentemente invalide. Nel 2007 le morti bianche, secondo i dati Inail, sono state circa 1.200. Oggi sono oltre 800 mila gli invalidi del lavoro e quasi 130 mila i superstiti di caduti sul lavoro. Sono i dati forniti dall'Anmil, l'Associazione nazionale fra i mutilati e invalidi del lavoro, in occasione della 58.ma Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, che si celebra oggi. Cifre, viene sottolineato, che testimoniano la persistente gravità del fenomeno infortunistico, una delle principali cause di morte, e con "quasi il doppio dei decessi rispetto agli omicidi". Una giornata, sottolinea l'Anmil, per richiamare l'attenzione delle istituzioni, delle forze sociali e dei mezzi di informazione sulla questione. Ma anche occasione "per denunciare le drammatiche condizioni di vita" degli invalidi e dei superstiti delle vittime "per i quali è necessario arrestare - chiede l'Anmil - il progressivo deterioramento dei livelli di tutela indennitaria, interrompendo la deriva assistenzialistica verso cui il sistema si sta spingendo negli ultimi anni. Basti pensare che una vedova percepisce in media una rendita di appena 700 euro al mese". Per l'Anmil, allo stesso tempo, deve però "essere un impegno condiviso da tutti quello di arginare il fenomeno degli infortuni sul lavoro, con una vera e responsabile applicazione delle norme per la prevenzione, sia da parte delle aziende che dei lavoratori".




http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_789120432.html
Tornare in alto Andare in basso
matteo
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 153
Età : 44
Località : messina
Data d'iscrizione : 10.05.08

MessaggioTitolo: Re: MORTI BIANCHE: TROPPE TRAGEDIE, ORA BASTA   Mar Ott 28, 2008 11:30 am


le morti bianche nn si toglieranno mai

sin quando la cisl non darà davvero un aiuto agli operai

sin quando i datori di lavoro non hanno una coscienza

troppe fregature per l'operaio

questo e un argomento che interessa tutti

ma nessuno muove un chiodo

il xkè è semplice

lo stato chiede troppi soldi di tasse

lo stato chiede troppe regole

lo stato vuole!!

ma non da!!

il datore di lavoro si mette in una competizione tra stato e altri imprenditori

ed e obligato ad abbasare il prezzo per avere il lavoro

però poi si combina una fase

critica per l'operaio!!!


il datore fa correre gli operai

vogliono che si usino le sikurezze

ma non capiscono che per indossare le sikurezze

ci vuole il suo tempo!!!

ti rispondono , (tempo non ne abbiamo)

i datori di lavoro non hanno mai lavorato e chiedono troppe cose in meno tempo possibile

non gli interessa nulla , e poi possibilmente ti guardano male quando fai una pipi!!

da parte mia

per fare tutto questo

tutte le ditte dovrebbero chiamare una squadra per la sikurezza , ma tutto questo in italia non c'è!!

o sè c'è al massimo e il 15% che lo fa!!!

quello che voglio dire la sikurezza di un operaio non è il solo idossare l'ermetto di lavoro

quello e solo un pretesto che fanno usare l'ermetto

per evitare i tanti controlli che lo stato , il sindacato,cisl fanno!!

quindi non diamo colpa all'operaio quando le cose nn si sanno fino in fondo


ciao matteo


e chiaro???


Tornare in alto Andare in basso
http://paradisehomeritaly.forumattivo.com
matteo
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 153
Età : 44
Località : messina
Data d'iscrizione : 10.05.08

MessaggioTitolo: Re: MORTI BIANCHE: TROPPE TRAGEDIE, ORA BASTA   Mar Ott 28, 2008 11:40 am

paola ha scritto:
ROMA - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione della 58/ma Giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro, ha inviato al Presidente dell'Associazione nazionale mutilati ed invalidi sul lavoro, Pietro Mercandelli, il seguente messaggio: "Desidero rivolgere il vivo apprezzamento per il costante impegno associativo a favore della prevenzione nei luoghi di lavoro, della tutela dei lavoratori infortunati, dell'assistenza delle famiglie delle vittime e della sensibilizzazione dell'opinione pubblica. I preoccupanti dati diffusi dall'Anmil e le stesse tragiche cronache di questi giorni confermano quanto cruciale sia la questione della prevenzione sul lavoro. Si è levato naturalmente un indignato 'basta', sinceramente condiviso, di fronte a tragedie che, per la loro dimensione, suscitano il clamore dei media e il coinvolgimento dell'opinione pubblica. Ma la realtà quotidiana ci ripropone casi drammatici (persino ripetitivi nella loro dinamica), storie personali e familiari di dolore e sofferenze che la vostra Associazione, insieme a tante altre espressioni del volontariato e delle istituzioni, aiuta ad affrontare con un impegno concreto di solidarietà che è giusto riconoscere e valorizzare. C'é indubbiamente, anche un problema di risorse: è decisivo qualificare quelle disponibili perché si investa in formazione ed informazione, si persegua con determinazione l'obbiettivo dell'abbattimento degli incidenti sul lavoro, si rafforzino le tutele dei lavoratori e si sostengano le famiglie delle vittime sul lavoro. Particolare significato assumono le numerose iniziative promosse in ambito scolastico per una più diretta presa di coscienza da parte dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro.

E' doveroso tenere viva l'attenzione al fenomeno,
non demordere nell'allarme sulla sua gravità sociale,

APPLICARE E MIGLIORARE LE NORME LEGISLATIVE. app app app

E' questo, un obbiettivo di civiltà che dobbiamo al sacrificio dei tanti caduti,
mutilati ed invalidi sul lavoro".
Il testo del messaggio è stato diffuso dall'ufficio stampa del Quirinale.


SCHIFANI, SICUREZZA SIA PRIORITA' - "La sicurezza dei lavoratori rappresenta una priorità assoluta per il nostro Paese". E' uno dei passaggi del messaggio inviato dal presidente del Senato, Renato Schifani, all'Anmil, in occasione della 58/a Giornata nazionale per le vittime per gli incidenti sul lavoro. "Questa consapevolezza - aggiunge Schifani - deve spingerci ad un costante impegno per valorizzare e diffondere tra i cittadini una cultura di maggiore attenzione e precauzione negli ambienti lavorativi, dove l'attuazione delle norme a tutela della salute e della vita dei lavoratori deve essere piena ed efficace".

ANMIL: 1.200 MORTI L'ANNO, TRE AL GIORNO - Ogni giorno, in Italia, si verificano 2.500 incidenti sul lavoro, muoiono tre persone e 27 rimangono permanentemente invalide. Nel 2007 le morti bianche, secondo i dati Inail, sono state circa 1.200. Oggi sono oltre 800 mila gli invalidi del lavoro e quasi 130 mila i superstiti di caduti sul lavoro. Sono i dati forniti dall'Anmil, l'Associazione nazionale fra i mutilati e invalidi del lavoro, in occasione della 58.ma Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, che si celebra oggi. Cifre, viene sottolineato, che testimoniano la persistente gravità del fenomeno infortunistico, una delle principali cause di morte, e con "quasi il doppio dei decessi rispetto agli omicidi". Una giornata, sottolinea l'Anmil, per richiamare l'attenzione delle istituzioni, delle forze sociali e dei mezzi di informazione sulla questione. Ma anche occasione "per denunciare le drammatiche condizioni di vita" degli invalidi e dei superstiti delle vittime "per i quali è necessario arrestare - chiede l'Anmil - il progressivo deterioramento dei livelli di tutela indennitaria, interrompendo la deriva assistenzialistica verso cui il sistema si sta spingendo negli ultimi anni. Basti pensare che una vedova percepisce in media una rendita di appena 700 euro al mese". Per l'Anmil, allo stesso tempo, deve però "essere un impegno condiviso da tutti quello di arginare il fenomeno degli infortuni sul lavoro, con una vera e responsabile applicazione delle norme per la prevenzione, sia da parte delle aziende che dei lavoratori".




http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_789120432.html


lo stato prima di parlare deve vivere il femomeno

ma non standosene in un ufficio

il nostro stato italiano questo non lo fa!!


ciao matteo
Tornare in alto Andare in basso
http://paradisehomeritaly.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: MORTI BIANCHE: TROPPE TRAGEDIE, ORA BASTA   

Tornare in alto Andare in basso
 
MORTI BIANCHE: TROPPE TRAGEDIE, ORA BASTA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» i pinguini sono morti..
» i famosi gattini non sono morti: sono vivi e stanno bene!!!
» gatti vivi e gatti morti
» La testa dice basta ma il cuore non vuole :-(
» basta progesterone basta leucorrea?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
۩๑ParadiseﺴHomerﺴItaly๑۩ :: le leggi italiane !!!-
Andare verso:  
"affiliazioni gemellaggi"
width= chat๑۩۞۩๑ Paradiseﺴ۩๑ Homerﺴ۩๑ Italy ๑۩۞۩๑ chat๑۩۞۩๑ Paradiseﺴ۩๑ Homerﺴ۩๑ Italy ๑۩۞۩๑ chat๑۩۞۩๑ Paradiseﺴ۩๑ Homerﺴ۩๑ Italy ๑۩۞۩๑ chat๑۩۞۩๑ Paradiseﺴ۩๑ Homerﺴ۩๑ Italy ๑۩۞۩๑
ENTRA IN CHAT
Geesee CHATCrea un forum | © phpBB | Forum gratis di aiuto | Segnala un abuso | Creare il tuo blog gratuito